Skip to main content

Si dice spesso che l’universit√† ti prepara alla vita lavorativa. Mi permetto di dissentire parzialmente. Certo, l’universit√† mi ha dato le basi del sapere di cui avevo bisogno per approcciarmi al mondo del design ma non per entrare propriamente in quello del lavoro.

Mi sono spesso ritrovata, durante la mia carriera (sia universitaria che lavorativa) a dover trovare da sola risposta a delle domande che, per un orecchio esperto forse erano particolarmente sciocche, ma per me non lo erano affatto. Domande che forse un percorso universitario avrebbe dovuto tenere in considerazione ma che per qualche motivo si sono perse nei meandri dei libri di testo seguiti, forse, troppo alla lettera. 

Ricordo che i momenti piu’ significativi durante l’universita’ erano quelli passati a fare stage, oppure in fiere ed eventi che ti catapultavano direttamente nel mondo reale, senza filtri. 

Quindi eccomi qui, a voler parlare di temi che per un designer dovrebbero essere alla base della propria esperienza.  

La prima pillola di cui voglio parlare mi sta particolarmente a cuore, le famose “soft skills”. Innanzitutto perche’ sono io stessa la prima ad aver capito troppo tardi l’importanza di queste. 

COSA SONO LE SOFT SKILLS?

Sono quell’insieme di competenze personali trasversali o comportamentali, che rappresentano la tua versatilita’ all’interno di un team o anche come singolo individuo. Alcuni esempi possono essere le capacita’ comunicative, oppure l’empatia, cosi come doti di leadership o la capacita’ di collaborare in team. Queste doti, o skills appunto, sono estremamente ricercate dagli HR e una cosa da capire e’ che essere designer non e’ l’unica cosa che dovresti imparare, c’e’ molto di piu’!

Che tu sia un freelancer o un lavoratore in agenzia di comunicazione o azienda, devi imparare alcune importantissime nozioni. 

Come comunicare – dovrai parlare con clienti o anche con il tuo manager in modo costante ed e’ estremamente importante che tu possa saper esprimere le tue opinioni in modo chiaro e veloce. Dovrai saperlo fare sia in forma scritta che parlata. 

Esempio, un manager generalmente ha pochissimo tempo da dedicare ad ogni task e tu hai bisogno di risposte per poter continuare il tuo lavoro. Un consiglio che ti posso dare e’ di avere in mente o per iscritto, frasi chiare e brevi, le cui risposte saranno per te un si o un no e ti aiuteranno in modo chiaro e concreto nello svolgimento del tuo lavoro.

Stessa cosa vale per i clienti. Molto spesso leggono la tua mail o parlano con te al telefono mentre sono impegnati in altro. Anche in questo caso, frasi brevi, semplici e concise. Questo far√† risparmiare tempo a loro e soprattutto a te. Ricordati sempre che il tempo e’ denaro, soprattutto se sei un freelancer!

 Questo mi porta alla seconda soft skill, ovvero: 

Come gestire il tuo tempo – molto spesso ti troverai a gestire piu’ progetti contemporaneamente ed ognuno di essi avra’ scadenze ben precise. 

Organizza il tuo lavoro secondo delle specifiche deadlines, puoi aiutarti con molti programmi gratuiti online come Trello, oppure anche solo con Google Calendar.

Teamwork – ovvero come collaborare con i tuoi colleghi o interagire con gli altri, che siano essi clienti, marketers, stakeholders ecc…

Impara ad ascoltare quello che le persone intorno a te dicono, pensano e nel modo in cui agiscono di fronte ad un problema. Nella maggior parte delle volte la soluzione ottimale ad un progetto sta proprio nell’insieme di piu’ idee.  

Anche se si lavora come freelancer, questa soft skill puo’ essere sviluppata ricercando il parere di colleghi o di end-users. 

Quello che alla fine poi importa veramente e’ consegnare un buon progetto.

Per concludere, quindi, un designer di successo non e’ solo quello che sa come usare i tools, ma anche come porsi nel mercato e interagire con il modo che li circonda. 

Se ti e’ piaciuta questa prima pillola, ti suggerisco di seguirmi e di condividere quanto piu’ puoi. Sono dell’idea che il sapere va condiviso, sempre! 

Sono dell’idea che il sapere va condiviso, sempre! 

One Comment

Leave a Reply